vai al contenuto della pagina
|

LE CHIAVI DEL CAMBIAMENTO
Le nuove frequenze della consapevolezza
Le nuove frequenze della guarigione

|





FILM
Messaggi per una migliore consapevolezza
di noi stessi e della realtà che ci circonda





LA CRISTIANITA'

"Avere nel cuore un Santo o più Santi, comprendere la loro vita, avere nel cuore le loro opere - anche solo vedendo un film o leggendo la storia - ti permette di connetterti con il Karma positivo e di vedere come i Santi sono stati il contesto dentro il quale la Luce Suprema ha operato. Vedere che la Luce Suprema è entrata nella vita dei Santi e ha operato attraverso di loro è il processo. Ognuno fa il processo dallo stato di coscienza in cui è, non c'è un modo perfetto o giusto, c'è una crescita continua un fluire verso la Luce insieme." -Sonia Zamparini



RISORTO - Trailer (2016)

Tribuno, il comandante romano che va in shock quando vede il risorto, abbandona la spada per vivere per l'amore, ne fa esperienza, si innamora del Divino e lo segue. C'è l'incertezza del futuro, "Hai il destino del mondo nelle tue mani.. io penso che debba risiedere in questi uomini" uomini semplici, amorevoli, pieni di gioia e amore per il Divino che fa miracoli. C'è il mantra "io sono", c'è la luce suprema, narajana, c'è il qui e ora, c'è il Divino fisico, fisico, fisico. Ci sono tanti insegnamenti.. sarebbe da vederlo insieme e commentarlo. -Sonia




Exodus: Dei e Re - Trailer Ufficiale Italiano (2014)
Racconta di Mosè che scopre di appartenere ad un popolo oppresso ed è costretto dagli eventi a salvarlo, sacrificando se stesso e seguendo le tracce del Divino. Leader illuminato che come amico supremo ha solo Dio, nella resa totale, nella consapevolezza totale del fallimento egoico, di fronte al mare, chiede aiuto e il Divino risponde in modo straordinario. Innumerevoli i segni e i miracoli che questa relazione tra lui e Dio producono.. si vede la luce divina, narajana, il paramatha.. fantastico.. fino all'urlo "Andiamooo.." e poi "Io onoro voi con la mia fede, non abbiate paura Dio è con noi" e il popolo si salva. -Sonia




Il Gladiatore - trailer (Ridley Scott, 2000)

Questo film spiega quali sono i valori che hanno ispirato Marco Aurelio (che era illuminato) e il popolo romano.. la verità, la giustizia, la lealtà, il diritto ed è per questo che Roma ha brillato tra le tenebre di un mondo che viveva nella barbarie e nell'oscurità. Roma portava i valori che difendevano la dignità dell'uomo e portavano l'umanità verso la luce.. È questo che ci chiede il Divino anche oggi qui ora, fantastico da vedere insieme per crescere. -Sonia



La passione di Cristo (Mel Gibson, 2004)



Gesù di Nazareth - 1^ parte di 2 (Franco Zeffirelli, 1977)



Maria di Nazareth - 1^ parte di 4 (2012)





LA VITA DEI SANTI



Francesco (Liliana Cavani, 1989)


Fratello sole Sorella luna - 2^ parte di 6 (Franco Zeffirelli, 1972)

San Francesco d'Assisi, nato Giovanni di Pietro Bernardone (Assisi, 26 settembre 1181 o 1182 – Assisi, 3 ottobre 1226), è stato un religioso e poeta italiano. Diacono e fondatore dell'ordine che da lui poi prese il nome, è venerato come santo dalla Chiesa cattolica. Il 4 ottobre ne viene celebrata la memoria liturgica in tutta la Chiesa cattolica (festa in Italia; solennità per la Famiglia francescana). È stato proclamato, assieme a santa Caterina da Siena, patrono principale d'Italia il 18 giugno 1939 da papa Pio XII.
Figlio di mercante, da giovane aspirava a entrare nella cerchia della piccola nobiltà cittadina. Di qui la partecipazione alla guerra contro Perugia e il tentativo di avviarsi verso la Puglia per partecipare alla crociata. Il suo viaggio, tuttavia, fu interrotto da una voce divina che lo invitò a ricostruire la Chiesa. E Francesco obbedì: abbandonati la famiglia e gli amici, condusse per alcuni anni una vita di penitenza e solitudine in totale povertà. Nel 1209, in seguito a nuova ispirazione, iniziò a predicare il Vangelo nelle città mentre si univano a lui i primi discepoli insieme ai quali si recò a Roma per avere dal Papa l'approvazione della sua scelta di vita. Dal 1210 al 1224 peregrinò per le strade e le piazze d'Italia e dovunque accorrevano a lui folle numerose e schiere di discepoli che egli chiamava frati, fratelli. Accolse poi la giovane Chiara che diede inizio al secondo ordine francescano, e fondò un terzo ordine per quanti desideravano vivere da penitenti, con regole adatte per i laici.
Nel suo 'Testamento' scritto poco prima di morire, Francesco annotò: “Nessuno mi insegnava quel che io dovevo fare; ma lo stesso Altissimo mi rivelò che dovevo vivere secondo il Santo Vangelo”. Per questo è considerato il più grande santo della fine del Medioevo; egli fu una figura sbocciata completamente dalla grazia e dalla sua interiorità, non spiegabile per niente con l'ambiente spirituale da cui proveniva. Ma proprio a lui toccò, in un modo provvidenziale, di dare la risposta agli interrogativi più profondi del suo tempo. Avendo messo in chiara luce con la sua vita i principi universali del Vangelo, con una semplicità e amabilità stupefacenti, senza imporre mai nulla a nessuno, ebbe un influsso straordinario, che dura tuttora, non solo nel mondo cristiano ma anche al di fuori di esso. Francesco è una delle grandi figure dell'umanità che parla a ogni generazione.



Sant'Agostino - 1^ parte di 2 (2009)

Sant'Agostino nasce in Africa a Tagaste, nella Numidia - attualmente Souk-Ahras in Algeria - il 13 novembre 354 da una famiglia di piccoli proprietari terrieri. Dalla madre riceve un'educazione cristiana, ma dopo aver letto l'Ortensio di Cicerone abbraccia la filosofia aderendo al manicheismo. Risale al 387 il viaggio a Milano, città in cui conosce sant'Ambrogio. L'incontro si rivela importante per il cammino di fede di Agostino: è da Ambrogio che riceve il battesimo. Successivamente ritorna in Africa con il desiderio di creare una comunità di monaci; dopo la morte della madre si reca a Ippona, dove viene ordinato sacerdote e vescovo. Le sue opere teologiche, mistiche, filosofiche e polemiche - quest'ultime riflettono l'intensa lotta che Agostino intraprende contro le eresie, a cui dedica parte della sua vita - sono tuttora studiate. Agostino per il suo pensiero, racchiuso in testi come «Confessioni» o «Città di Dio», ha meritato il titolo di Dottore della Chiesa. Mentre Ippona è assediata dai Vandali, nel 429 il santo si ammala gravemente. Muore il 28 agosto del 430 all'età di 76 anni.



Sant'Antonio da Padova Guerriero di Dio (Antonello Belluco, 2006)

Fernando di Buglione nasce a Lisbona. A 15 anni è novizio nel monastero di San Vincenzo, tra i Canonici Regolari di Sant'Agostino. Nel 1219, a 24 anni, viene ordinato prete. Nel 1220 giungono a Coimbra i corpi di cinque frati francescani decapitati in Marocco, dove si erano recati a predicare per ordine di Francesco d'Assisi. Ottenuto il permesso dal provinciale francescano di Spagna e dal priore agostiniano, Fernando entra nel romitorio dei Minori mutando il nome in Antonio. Invitato al Capitolo generale di Assisi, arriva con altri francescani a Santa Maria degli Angeli dove ha modo di ascoltare Francesco, ma non di conoscerlo personalmente. Per circa un anno e mezzo vive nell'eremo di Montepaolo. Su mandato dello stesso Francesco, inizierà poi a predicare in Romagna e poi nell'Italia settentrionale e in Francia. Nel 1227 diventa provinciale dell'Italia settentrionale proseguendo nell'opera di predicazione. Il 13 giugno 1231 si trova a Camposampiero e, sentondosi male, chiede di rientrare a Padova, dove vuole morire: spirerà nel convento dell'Arcella.



Santa Caterina da Siena, patrona d'Italia (Oreste Palella, 1947)

Caterina Benincasa, conosciuta come Caterina da Siena (Siena, 25 marzo 1347 – Roma, 29 aprile 1380), è stata una religiosa italiana. Canonizzata dal papa senese Pio II nel 1461. Nel 1939 Pio XII la dichiarerà patrona d'Italia con Francesco d'Assisi. Nel 1970 è stata dichiarata dottore della Chiesa da papa Paolo VI. È compatrona d'Italia e d'Europa. Caterina non va a scuola, non ha maestri. I suoi avviano discorsi di maritaggio quando lei è sui 12 anni. E lei dice di no, sempre. E la spunta. Del resto chiede solo una stanzetta che sarà la sua "cella" di terziaria domenicana (o Mantellata, per l'abito bianco e il mantello nero). La stanzetta si fa cenacolo di artisti e di dotti, di religiosi, di processionisti, tutti più istruiti di lei. Li chiameranno "Caterinati". Lei impara a leggere e a scrivere, ma la maggior parte dei suoi messaggi è dettata. Con essi lei parla a papi e re, a donne di casa e a regine, e pure ai detenuti. Va ad Avignone, ambasciatrice dei fiorentini per una non riuscita missione di pace presso papa Gregorio XI. Ma dà al Pontefice la spinta per il ritorno a Roma, nel 1377. Deve poi recarsi a Roma, chiamata da papa Urbano VI dopo la ribellione di una parte dei cardinali che dà inizio allo scisma di Occidente. Ma qui si ammala e muore, a soli 33 anni.



State buoni, se potete - San Filippo Neri (1983)


Preferisco Il Paradiso - San Filippo Neri (2010) in spagnolo

Filippo Romolo Neri (Firenze, 21 luglio 1515 – Roma, 26 maggio 1595) fu un presbitero italiano, venerato come santo dalla Chiesa cattolica. Fiorentino d'origine, si trasferì, ancora molto giovane, a Roma, dove decise di dedicarsi alla propria missione evangelica in una città corrotta e pericolosa, tanto da ricevere l'appellativo di «secondo apostolo di Roma». Rifulse per il suo amore verso il prossimo, la semplicità evangelica, la letizia d’animo, lo zelo esemplare e il fervore nel servire Dio. Radunò attorno a sé un gruppo di ragazzi di strada, avvicinandoli alle celebrazioni liturgiche e facendoli divertire, cantando e giocando senza distinzioni tra maschi e femmine, in quello che sarebbe, in seguito, divenuto l'Oratorio, ritenuto e proclamato come vera e propria congregazione da papa Gregorio XIII nel 1575. Per il suo carattere burlone, fu anche chiamato il «santo della gioia» o il «giullare di Dio».
Filippo passava molto tempo in preghiera, specialmente di notte. Predilesse le chiese solitarie, i luoghi sacri delle catacombe, memoria dei primi tempi della Chiesa apostolica. Coltivò per tutta la vita questo spirito di contemplazione, alimentato anche da fenomeni straordinari, come quello della Pentecoste del 1544, quando Filippo, nelle catacombe si san Sebastiano, durante una notte di intensa preghiera, sperimentò un'estasi di amore divino e ricevette in forma sensibile il dono dello Spirito Santo che gli dilatò il cuore infiammandolo di un fuoco che arderà nel petto del santo fino al termine dei suoi giorni.
Alla sua vita e ai suoi detti sono ispirati State buoni se potete, film del 1983 di Luigi Magni, un omonimo album del cantautore Angelo Branduardi, colonna sonora di detto film, e uno sceneggiato televisivo del 2010, Preferisco il Paradiso, di Giacomo Campiotti e interpretato da Gigi Proietti.



Santa Rita da Cascia (2004)

Rita da Cascia, al secolo Margherita Lotti (Roccaporena, 1381 – Cascia, 22 maggio 1457), monaca agostiniana a Cascia (PG), fu proclamata beata da papa Urbano VIII nel 1628 e santa da papa Leone XIII nel 1900.
I credenti suoi devoti la chiamano "santa degli impossibili", perché dal giorno della sua morte sarebbe "scesa" al fianco dei più bisognosi, realizzando per loro miracoli prodigiosi, eventi altrimenti ritenuti irrealizzabili. La devozione popolare cattolica per santa Rita è tuttora una delle più diffuse al mondo, ma, fin dal 1600 e per opera degli agostiniani, è particolarmente radicata, oltre che in Italia, in Spagna, Portogallo e America Latina.
Secondo la tradizione era figlia unica e fin dall’adolescenza desiderò consacrarsi a Dio ma, per le insistenze dei genitori, fu data in sposa ad un giovane di buona volontà ma di carattere violento. Dopo l’assassinio del marito e la morte dei due figli, ebbe molto a soffrire per l’odio dei parenti che, con fortezza cristiana, riuscì a riappacificare. Vedova e sola, in pace con tutti, fu accolta nel monastero agostiniano di santa Maria Maddalena in Cascia. Visse per quarant’anni anni nell’umiltà e nella carità, nella preghiera e nella penitenza. Negli ultimi quindici anni della sua vita, portò sulla fronte il segno della sua profonda unione con Gesù crocifisso. Morì il 22 maggio 1457. Invocata come taumaturga di grazie, il suo corpo si venera nel santuario di Cascia, meta di continui pellegrinaggi. E’ invocata come santa del perdono e paciera di Cristo.



Beato Padre Marco d'Aviano

Marco d'Aviano, Carlo Domenico Cristofori (Villotta di Aviano, 17 novembre 1631 – Vienna, 13 agosto 1699), predicatore cappuccino della Provincia Veneta, è venerato come beato dalla Chiesa cattolica. Padre Marco d'Aviano fu un instancabile viaggiatore e predicatore per il Veneto e per tutta l'Europa, accompagnato da una sempre più crescente fama di taumaturgo. Usava, a favore dei malati e dei bisognosi, una particolare formula di benedizione che rimase famosa; il suo messaggio veniva garantito e rafforzato con il dono delle conversioni e delle guarigioni.



St Joseph of Cupertino The Reluctant Saint

Giuseppe da Copertino, al secolo Giuseppe Maria Desa (Copertino, 17 giugno 1603 – Osimo, 18 settembre 1663), è stato un sacerdote religioso italiano, appartenente all'Ordine dei Frati Minori Conventuali. Fu beatificato da papa Benedetto XIV nel 1753, e proclamato santo da papa Clemente XIII nel 1767. Nella devozione cattolica viene chiamato il santo dei voli, a motivo della levitazione che secondo le cronache del tempo avrebbe compiuto in stato di estasi, e che gli procurarono il processo dinanzi al Sant'Uffizio per abuso di credulità popolare, dal quale però venne assolto. Viene anche indicato come il santo degli studenti, perché venne consacrato sacerdote dopo il difficile superamento degli esami, superamento considerato prodigioso per le difficoltà da lui incontrate nonostante l'impegno profuso nello studio; per questo viene invocato dagli studenti cattolici durante gli esami.



Santa Maria Goretti (2003)

Nacque a Corinaldo (Ancona) il 16 ottobre 1890, figlia dei contadini Luigi Goretti e Assunta Carlini, Maria era la seconda di sei figli. I Goretti si trasferirono presto nell'Agro Pontino. Nel 1900 suo padre morì, la madre dovette iniziare a lavorare e lasciò a Maria l'incarico di badare alla casa e ai suoi fratelli. A undici anni Maria fece la Prima Comunione e maturò il proposito di morire prima di commettere dei peccati. Alessandro Serenelli, un giovane di 18 anni, s'innamorò di Maria. Il 5 luglio del 1902 la aggredì e tentò di violentarla. Alle sue resistenze la uccise accoltellandola. Maria morì dopo un'operazione, il giorno successivo, e prima di spirare perdonò Serenelli. L'assassino fu condannato a 30 anni di prigione. Si pentì e si convertì solo dopo aver sognato Maria che gli diceva avrebbe raggiunto il Paradiso. Quando fu scarcerato dopo 27 anni chiese perdono alla madre di Maria. Maria Goretti fu proclamata santa nel 1950 da Pio XII. Il suo corpo di novella martire moderna, riposa nella cappella a lei dedicata, nel santuario della Madonna delle Grazie a Nettuno, custodito dai Padri Passionisti e meta di innumerevoli pellegrinaggi da tutto il mondo cattolico; la sua festa si celebra il 6 luglio.

Don Bosco (Leandro Castellani, 1988)

Giovanni Melchiorre Bosco, meglio noto come don Bosco (Castelnuovo d'Asti, 16 agosto 1815 – Torino, 31 gennaio 1888), fu il fondatore delle congregazioni dei Salesiani e delle Figlie di Maria Ausiliatrice. È stato canonizzato da papa Pio XI nel 1934.
In quei tempi Torino era piena di poveri ragazzi in cerca di lavoro, orfani o abbandonati, esposti a molti pericoli per l'anima e per il corpo. Don Bosco incominciò a radunarli la domenica, ora in una Chiesa, ora in un prato, ora in una piazza per farli giocare ed istruire nel Catechismo finché, dopo cinque anni di enormi difficoltà, riuscì a stabilirsi nel rione periferico di Valdocco e aprire il suo primo Oratorio. Nell'Oratorio i ragazzi trovavano vitto e alloggio, studiavano o imparavano un mestiere, ma soprattutto imparavano ad amare il Signore: San Domenico Savio era uno di loro. Don Bosco era amato dai suoi "birichini" (così egli li chiamava) fino all'inverosimile. A chi gli domandava il segreto di tanto ascendente rispondeva: "Con la bontà e l'amore cerco di guadagnare al Signore questi miei amici". Per essi sacrificò tutto quel poco denaro che possedeva, il suo tempo, il suo ingegno che aveva fervidissimo, la sua salute. Per essi ancora fondò la Congregazione Salesiana, formata da sacerdoti e laici che vogliono continuare l'opera sua e alla quale diede come "scopo principale di sostenere e difendere l'autorità del Papa". Volendo estendere il suo apostolato anche alle fanciulle fondò, con Santa Maria Domenica Mazzarello, la Congregazione delle Figlie di Maria Ausiliatrice. I Salesiani e le Figlie di Maria Ausiliatrice si sparsero in tutto il mondo al servizio dei giovani, dei poveri e dei sofferenti, con scuole di ogni ordine e grado, istituti tecnici e professionali, ospedali, dispensari, oratori e parrocchie.



Padre Pio - 1^ parte di 2 (2000)

Pio da Pietrelcina, noto anche come Padre Pio, al secolo Francesco Forgione (Pietrelcina, 25 maggio 1887 – San Giovanni Rotondo, 23 settembre 1968), è stato un presbitero italiano dell'Ordine dei frati minori cappuccini; la Chiesa cattolica lo venera come santo e ne celebra la memoria liturgica il 23 settembre, anniversario della morte. È stato destinatario, ancora in vita, di una venerazione popolare di imponenti proporzioni, anche in seguito alla fama di taumaturgo attribuitagli dai devoti, così come è stato anche oggetto di aspre critiche in ambienti ecclesiastici e non.
Erede spirituale di San Francesco d'Assisi, Padre Pio da Pietrelcina è stato il primo sacerdote a portare impressi sul suo corpo i segni della crocifissione. Già noto al mondo come il "Frate stigmatizzato", Padre Pio, al quale il Signore aveva donato particolari carismi, si adoperò con tutte le sue forze per la salvezza delle anime. Le moltissime testimonianze dirette della "santità" del Frate, arrivano sino ai nostri giorni, accompagnate da sentimenti di gratitudine. Le sue intercessioni provvidenziali presso Dio furono per molti uomini causa di guarigione nel corpo e motivo di rinascita nello Spirito.





LA VITA DI PAPA GIOVANNI XXIII

Giovanni XXIII

Angelo Roncalli, Giovanni XXIII, Papa (25 novembre 1881 - Roma, 3 giugno 1963) nacque a Sotto il Monte, piccolo borgo del bergamasco, figlio di poveri mezzadri. Divenuto prete, rimase per quindici anni a Bergamo, come segretario del vescovo e insegnante al seminario. Allo scoppio della prima guerra mondiale fu chiamato alle armi come cappellano militare. Inviato in Bulgaria e in Turchia come visitatore apostolico, nel 1944 è Nunzio a Parigi, per divenire poi nel 1953 Patriarca di Venezia. Il 28 ottobre 1958 salì al soglio pontificio, come successore di Pio XII, assumendo il nome di Papa Giovanni XXIII. Avviò il Concilio Vaticano II, un evento epocale nella storia della Chiesa. Un breve ma intenso pontificato, dal 04/11/1958 al 03/06/1963, in cui egli riuscì a farsi amare dal mondo intero. È stato beatificato il 3 settembre del 2000 e canonizzato il 27 aprile 2014. Beato Giovanni XXIII fu uomo dotato di straordinaria umanità, con la sua vita, le sue opere e il suo sommo zelo pastorale cercò di effondere su tutti l’abbondanza della carità cristiana e di promuovere la fraterna unione tra i popoli; particolarmente attento all’efficacia della missione della Chiesa di Cristo in tutto il mondo.





LA VITA DI PAPA GIOVANNI PAOLO II

Karol - Un Papa rimasto uomo

Giovanni Paolo II (Karol Wojtyla) Papa dal 22/10/1978 al 02/04/2005. Nato a Wadovice, in Polonia, è il primo Papa non italiano dai tempi di Adriano VI. Nel suo discorso di apertura del pontificato ha ribadito di voler portare avanti l'eredità del Concilio Vaticano II. Il 13 maggio 1981, in Piazza San Pietro, anniversario della prima apparizione della Madonna di Fatima, fu ferito gravemente con un colpo di pistola dal turco Alì Agca. Molto importanti sono le sue encicliche, tra le quali sono da ricordare la "Redemptor hominis", la "Dives in misericordia", la "Laborem exercens", la "Veritatis splendor" e l'"Evangelium vitae". Il dialogo interreligioso ed ecumenico, la difesa della pace, e della dignità dell'uomo sono stati impegni quotidiani del suo ministero apostolico e pastorale. Dai suoi numerosi viaggi nei cinque continenti emerge la sua passione per il Vangelo e per la libertà dei popoli. Ovunque messaggi, liturgie imponenti, gesti indimenticabili: dall'incontro di Assisi con i leader religiosi di tutto il mondo alla preghiere al Muro del pianto di Gerusalemme. Così Karol Wojtyla ha traghettato l'umanità nel terzo millennio. La sua beatificazione ha avuto luogo a Roma il 1^ maggio 2011.





YOGANANDA

Trailer ufficiale del film Il Sentiero della Felicità - Awake the Life of Yogananda
(Un film di Paola di Florio e Lisa Leeman, 2014)


Il Sentiero della Felicità - Awake, the Life of Yogananda è una biografia non convenzionale sullo yogi e guru che ha trascorso gran parte della sua vita negli Stati Uniti d'America e che ha introdotto molti degli insegnamenti di meditazione del Kriya Yoga soprattutto attraverso il suo libro, Autobiografia di uno Yogi (a quanto pare, unico libro che Steve Jobs ha avuto sul suo Ipad), tradotto in trentacinque lingue.
Una biografia su uno swami indiano che negli anni '20 ha fatto conoscere lo yoga e la meditazione al mondo occidentale. Questo film-documentario parla della vita e degli insegnamenti di Paramahansa Yogananda, autore di Autobiografia di uno Yogi, un classico della letteratura spirituale che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e che ancora oggi costituisce un riferimento essenziale per ricercatori spirituali, filosofi e cultori dello yoga. L'Autobiografia era l'unico libro presente nell'iPad di Steve Jobs, il quale dispose che ne fossero distribuite 800 copie alle personalità che parteciparono al suo funerale. È stato anche il libro che ha introdotto al misticismo orientale George Harrison, Russell Simmons e innumerevoli yogi. Dando un'impronta personale alla ricerca dell'illuminazione e condividendo le battaglie interiori affrontate sul sentiero spirituale, Yogananda ha reso accessibili quegli antichi insegnamenti a un pubblico moderno, attirando molti seguaci e aiutando milioni di ricercatori spirituali di oggi a volgere l'attenzione alla propria vita interiore, respingendo le tentazioni materialistiche per giungere alla realizzazione del Sé. Il film, girato in tre anni, con la partecipazione di 30 paesi, esplora il mondo dello yoga, antico e moderno, orientale e occidentale. Se è vero che il materiale d'archivio sulla vita di Yogananda (morto nel 1952) costituisce l'ossatura della narrazione, il film va però oltre i confini di una tradizionale biografia. Le sequenze includono stralci di interviste, immagini metaforiche e ricostruzioni sceniche, e ci conducono dai luoghi di pellegrinaggio dell'India alla Divinity School dell'Università di Harvard, come pure ai suoi sofisticati laboratori di fisica, dal Centro di Scienza e Spiritualità dell'Università della Pennsylvania al Chopra Center di Carlsbad, in California. Evocando il viaggio dell'anima che cerca di farsi strada tra gli ostacoli dell'ego e dell'illusione del mondo materiale, il film ci fa vivere un'esperienza di immersione nei regni dell'invisibile. La Via della Felicità è, in ultima analisi, la storia del genere umano: la lotta universale di ogni creatura per liberarsi dalla sofferenza e per trovare la felicità durevole.





MEDIANITA'

NOSSO LAR - La Nostra Dimora (2010)
tratto dall'opera di Chico Xavier

E' una testimonianza di Chico Xavier, medium del movimento spiritista brasiliano. La psicografia ha consentito a Xavier di scrivere più di 400 libri, sotto la guida e l'ispirazione di spiriti con cui era in contatto, tra cui quello di Emmanuel, sua guida spirituale. In Nosso lar, Xavier illustra quella che è la composizione e la struttura dell'ambiente dell'aldilà, identificandone diversi livelli di esistenza e rendendo tutto molto più vicino di ciò che si potrebbe pensare. La narrazione è basata sulla storia di Andrè Luiz, un medico che racconta, dall'aldilà e tramite Emmanuel, la sua ultima esperienza di vita: la sua famiglia, il lavoro, la morte, la sofferenza. Andrè Luiz, dopo la sua morte, compierà un percorso di maturazione spirituale in quanto avrà la necessità di abbandonare l'egoismo e l'avarizia. Per questo partirà da quelli che sono i "livelli inferiori" dell'esistenza ultra terrena per poi arrivare a Nosso Lar.

CHICO XAVIER (2010)- Il film sulla vita del grandissimo medium Chico Xavier





VARI


Cowspiracy (Documentario di Kip Andersen)
Cowspiracy: The Sustainability Secret è un documentario del 2014 prodotto e diretto da Kip Andersen e Keegan Kuhn.
Il film esplora l'impatto dell'allevamento e dell'industria animale sull'ambiente, investigando le politiche delle organizzazioni ambientaliste su questa questione. Fra le organizzazioni ambientaliste interrogate nel film vi sono Greenpeace, Sierra Club, Surfrider Foundation e Rainforest Action Network.
Il film è stato finanziato collettivamente con il crowdfunding su IndieGoGo, con 1.449 contributori che hanno donato $117.092. Questa raccolta di fondi, equivalente al 217% dell'obiettivo, ha permesso di doppiare il film anche in Spagnolo e Tedesco e di sottotitolarlo in altre 10 lingue, tra cui Cinese e Russo.

Cos’hanno in comune una mucca e un’utilitaria? Entrambe producono emissioni di gas serra dannosi per l’ambiente, però le prime liberano nell’atmosfera metano, che è 25-100 volte più dannoso del CO2 nel produrre l’effetto serra. Allargando lo sguardo, gli allevamenti di animali destinati all’alimentazione umana sono responsabile di oltre il 51% delle emissioni di gas serra al mondo, contro il 13% del settore dei trasporti. Di questa cifra spaventosa, il 18% è prodotto dal sistema digestivo delle mucche, il 5% in più di quello prodotto dai combustibili fossili, che vengono comunemente additati come i principali produttori di gas serra.

Si tratta di dati dei quali è necessario prendere coscienza come cittadini, che adesso vengono pubblicamente denunciati da Cowspiracy, un documentario che promette di generare una rivoluzione epocale all’interno del movimento ambientalista, colpevole di non aver ancora avviato un dibattito interno su questi temi. La narrazione segue il percorso personale di maturazione del coregista Kip Andersen, fervente ambientalista e fermamente convinto che il cambiamento climatico si possa arrestare riducendo l’impatto sul pianeta. Nelle sue ricerche verso uno stile di vita più ecosostenibile, scopre i dati sull’impatto dell’industria animale sul pianeta, che indicano gli allevamenti come la principale causa di deforestazione, di consumo di acqua, spreco di risorse e degrado ambientale. Per un ossessionato dei comportamenti virtuosi come lui, che utilizza quasi esclusivamente la bicicletta e centellina l’acqua della doccia, sapere che l’acqua necessaria per produrre un solo hamburger corrisponde a quella di due mesi di docce è sconvolgente.

A questo primo shock, si accompagna la scoperta che le principali associazioni ambientaliste ignorano completamente questo tema: nonostante negli anni più studi scientifici diffusi anche da istituzioni di alto livello e assoluta credibilità come la Fao e partner della Nasa abbiano diffuso l’allarme, questi dati passano misteriosamente sotto silenzio. Una reticenza imbarazzante da parte delle organizzazioni che si impegnano quotidianamente a diffondere stili di vita più sostenibili ma che non chiedono mai ai propri aderenti o simpatizzanti di ridurre i consumi di carne e derivati. Nonostante l’enormità del problema, questo viene quindi deliberatamente ignorato, come se fosse in atto una vera e propria congiura (da qui il gioco di parole tra “cow”, mucca e “conspiracy”, congiura) che impedisce di denunciare pubblicamente “l’industria più distruttiva del pianeta” e di impostare quindi politiche anche pubbliche per produrre cambiamenti.

Da cosa nasce questa paura? Questa domanda è lo stimolo per la ricerca alla base di questo documentario ecologista, realizzato da Kip Andersen grazie anche all’impegno di Keegan Kuhn. L’obiettivo dei due registi è appunto far luce sulle motivazioni che spingono le più importanti associazioni ambientaliste a non esporre al pubblico queste informazioni e di conseguenza a non includere tra i comportamenti da adottare per salvare il pianeta la riduzione del consumo di carne, pesce e prodotti derivati. Non soltanto: attraverso interviste ad esperti e produttori virtuosi, Andersen va alla ricerca del segreto della sostenibilità, per cercare di scoprire se siano davvero percorribili nel lungo termine le alternative all’attuale sistema industrializzato di sfruttamento degli animali. Un percorso accidentato, con molte porte sbattute in faccia, minacce velate e momenti a tratti drammatici, come quando si scopre che la principale causa di deforestazione dell’Amazzonia è la creazione di nuovi pascoli e campi di soia per produrre mangimi e che in Brasile oltre 1.100 attivisti negli ultimi anni hanno pagato con la vita la loro battaglia contro questo scempio.

Un lavoro che fa riflettere e che ha ha già prodotto alcuni risultati, come una dichiarazione ufficiale da parte di Greenpeace Uk, oltre a ispirare migliaia di persone in tutto il mondo verso scelte più consapevoli, innanzitutto per l’ambiente ma anche per gli animali, vittime di un sistema di sfruttamento senza precedenti nella storia, del quale si denuncia l’assoluta insostenibilità.

Un documentario di alto livello, finanziato anche grazie a una campagna di crowdfunding e che alcuni mesi fa Leonardo Di Caprio ha deciso di sostenere, diventando produttore esecutivo di una nuova versione ampliata, uscita a metà settembre sulla popolare piattaforma di streaming Netflix, che sarà disponibile anche in Italia dal prossimo 22 ottobre.

Nell’attesa, Essere Animali ha organizzato dal 3 al 10 ottobre un tour in otto città italiane, invitando il coregista Keegan Kuhn. La serata conclusiva di questo tour si terrà sabato prossimo a Milano, in occasione del MiVeg, festival vegan giunto alla terza edizione e già diventato un must per la metropoli lombarda, tanto che l’anno scorso ha visto quasi 10mila presenze. Un’occasione utile non soltanto per vedere il documentario ma anche per approfondire altre tematiche etiche relative al nostro rapporto con gli animali e scoprire le realtà che si mettono in gioco, giorno dopo giorno, per sostenere un cambiamento nella società.

Tratto da: http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/10/04/cowspiracy-arriva-in-italia-il-documentario-che-sfida-il-movimento-ambientalista/2091746/





LA BELLE VERTE - Il Pianeta Verde (Coline Serrau, 1996)

La regista Coline Serreau (che è anche l’attrice protagonista) affronta temi di grande importanza con ironia e intelligenza. Il film mette alla luce tutti i paradossi del mondo in cui viviamo attraverso il paragone con la società di un pianeta dove si vive con semplicità e genuinità, a contatto con la natura e concentrati sulla vera essenza umana.





LA PROFEZIA DI CELESTINO (Armand Mastroianni, 2006)

Nella foresta pluviale del Perù viene alla luce un antico manoscritto noto come la Profezia di Celestino. Queste pergamene, che contengono nove importanti chiavi della conoscenza, profetizzano un nuovo risveglio che ridefinirà la vita degli uomini e porterà sulla terra una cultura fondata sulla spiritualità. Basato sul bestseller di James Redfield del 1993.





IL SEGNO DELLA LIBELLULA - DRAGONFLY (Tom Shadyac, 2002)

Il dottor Joe Darrow perde la moglie Emily in un incidente avvenuto in Sud America. Emily era una dottoressa volontaria per una missione umanitaria e in attesa di un bimbo. La morte della moglie fa sprofondare Joe in una forte depressione da cui cerca pian piano di venir fuori. Alcuni strani avvenimenti sembrano turbare la naturale elaborazione del lutto di Joe, come i racconti di alcuni piccoli pazienti di un reparto di oncologia che gli parlano di sogni in cui vedono la moglie o l’apparire di alcuni strani segni, come la reiterata comparsa di una libellula, insetto molto amato da Emily. Segni che se per altri sarebbero mere coincidenze, diventano per Joe chiari messaggi sovrannaturali da parte di sua moglie che lo convincono a partire alla volta del Venezuela in cerca di risposte e ne troverà di veramente inaspettate.





NATURE BY NUMBERS (Cristóbal Vila, 1996)
Un film ispirato ai numeri, la geometria e la natura
Musica di Wim Mertens





BAB'AZIZ - IL PRINCIPE CHE CONTEMPLAVA LA SUA ANIMA
Bab'Aziz - Il principe che contemplava la sua anima
Bab'Aziz, un anziano derviscio cieco, e la sua nipotina Ishtar vagano insieme nel deserto alla ricerca di una grande riunione di dervisci che si tiene solo una volta ogni trent'anni in un luogo sconosciuto. Con la fede come unica guida, nel loro cammino attraverseranno per giorni l'esteso paesaggio arido. Per intrattenere Ishtar, Bab'Aziz racconta l'antica storia di un principe che ha abbandonato il suo regno e le sue ricchezze per rimanere accanto a uno specchio d'acqua nel deserto fissandolo nelle sue profondità, per contemplare la sua anima. I due incontrano poi altri viaggiatori, tra cui Osman, alla ricerca di una bella donna che ha incontrato dopo essere finito in fondo ad un pozzo, e Zaid, che cerca una giovane donna affascinante che è fuggita da lui dopo essere stata sedotta dalle sue canzoni.





TEMPLE GRANDIN - UNA DONNA STRAORDINARIA
Temple Grandin - Una donna straordinaria
Il mistero della mente dei savant - La sindrome di Savant, anche detta “savantismo”, non è stata ancora riconosciuta attraverso diagnosi mediche, ma la si può definire, come una condizione rara nella quale persone con disfunzioni dello sviluppo (inclusi tutti i disturbi tipici dell’autismo) possiedono doti di particolare abilità in alcuni ambiti, in contrasto con le limitazioni complessive dell’individuo. Studiare questa patologia può essere visto come uno stupefacente viaggio nel cervello umano con i suoi limiti e le sue straordinarie capacità, e fa capire come genio e handicap, possano essere due facce della stessa medaglia.





OH, GOD!! BOOK II (Gilbert Cates, 1980)

OH, GOD!! BOOK II





Thrive – Prospera: Che cosa ci vorrà mai? (2011)
Titolo originale THRIVE: What On Earth Will It Take?


THRIVE è un documentario non convenzionale che solleva il velo su quello che sta realmente accadendo nel nostro mondo. Svela i collegamenti nascosti tra politica, multinazionali, media etc. e mostra le innovazioni e le ultime scoperte registrate nel campo della scienza, THRIVE offre soluzioni reali che ci aiuteranno, con le strategie inedite e coraggiose, a recuperare la nostra vita ed il nostro futuro.





HOME - La Nostra Terra (2009)

Viviamo un periodo determinante. Gli scienziati ci dicono che abbiamo 10 anni per cambiare i nostri modi di vita, per evitare di esaurire le risorse naturali ed impedire un'evoluzione catastrofica del clima della terra. Occorre che ciascuno partecipi allo sforzo collettivo per sensibilizzare il mondo. Per diffondere questa pellicola, il quanto più possibile, occorreva fosse gratuito. Il gruppo PPR ha permesso che lo fosse. EuropaCorp, che ne garantisce la distribuzione, si è impegnato a non avere profitto perchè HOME non ha alcuna ambizione commerciale.





MICROCOSMOS - Il Popolo dell'erba

Bellissimo documentario sul mondo degli insetti realizzato con telecamere di ultima generazione.
"Un prato verde di prima mattina, da qualche parte sulla Terra. Nascosto tra i fili un mondo immenso grande come un fienile. Gli steli selvaggi formano una giungla inestricabile. I sassi diventano montagne e la più piccola pozza d'acqua un oceano. Diverso scorre il tempo. Un giorno dura un'ora, una stagione un giorno, una vita una stagione. Ma per penetrare questo mondo è necessario ascoltare i suoi mormorii restando in silenzio."





Mimzy–Il segreto dell'universo - Trailer (Robert Shaye, 2007)

Un giorno, giocando sulla spiaggia, Emma e Noah trovano una strana scatola con alcuni oggetti curiosi, tra i quali delle pietre e un coniglio. I due bimbi cominciano a giocarci scoprendone i misteriosi poteri: le pietre ruotano creando campi energetici e il coniglietto parla a Emma. L'intelligenza dei bambini si sviluppa enormemente, al punto tale di diventare geniali. La più piccola dei due, dice alla mamma che uno di questi giocattoli, un coniglio di pezza di nome Mimzy, "le sta insegnando delle cose nuove" e le ha rivelato un messaggio importante per il futuro.










LO SFIDANTE (2011)
LO SFIDANTE - youtube


Conversazioni con Dio (Stephen Deutsch, 2006)
Conversazioni con Dio - youtube


The Fountain - L'Albero della Vita (Darren Aronofsky, 2006)
Trailer - youtube


PEACEFUL WARRIOR - La Forza del Campione (Dan Millman, 2006)
PEACEFUL WARRIOR - youtube


OLTRE LA VITA (Lewis Teague, 1995)
OLTRE LA VITA - youtube


L'uomo che piantava gli alberi
Film d'animazione di Frédérick Back tratto dal romanzo di Jean Giono.
Vincitore del premio Oscar per il miglior cortometraggio d'animazione nel 1988.
L'uomo che piantava gli alberi - youtube


LA SORGENTE DELL'AMORE - trailer (Radu Mihailea, 2011)
LA SORGENTE DELL'AMORE





L'ultimo samurai (Edward Zwick, 2003)
ambientato in Giappone durante la Ribellione di Satsuma

Kung Fu Panda (2008)

Sette chilometri da Gerusalemme (Claudio Malaponti, 2007)
tratto dall'omonimo romanzo di Pino Farinotti

Solaris (Steven Soderbergh, 2002)
tratto dall'opera di Stanislaw Lem

Pay It Forward - Un sogno per domani (Mimi Leder, 2000)

Matrix (Fratelli Wachowski, 1998)

Il Piccolo Budda (Bernardo Bertolucci, 1993)

Al di Là dei Sogni (Vincent Ward, 1998

What the bleep do we know? - Ma che ..bip.. sappiamo veramente? (2006)

La fine è il mio inizio - Tiziano Terzani (Jo Baier, 2011)

Il Cielo sopra Berlino (Wim Wenders, 1987)

Incontri con Uomini Straordinari (Peter Brook, 1979)
tratto dall'omonimo romanzo di Georges Ivanovic Gurdjieff

Milarepa (Liliana Cavani, 1973)

Miracolo a Milano (Vittorio De Sica, 1951)







contatore visite gratis